OSTUNI SENZA BARRIERE

OSTUNI SENZA BARRIERE

TURISMO ACCESSIBILE OSTUNI

                                                                                               

 

TURISMO PER TUTTI, TURISMO INCLUSIVO, TURISMO SENZA BARRIERE

OSTUNI CITTÀ ACCESSIBILE, OSTUNI CITTÀ INCLUSIVA, VIENI IN VACANZA AD OSTUNI TI ACCOMPAGNIAMO ALLA SCOPERTA DI PERCORSI STUDIATI APPOSTA PER TE!!!

 

  

                                                                     

               

                              

http://www.nobarrier-project.eu/en/maps2?pid=49&check=484b146fe6420523114714bfa204afa4

https://www.viaggiareinpuglia.it/itinerario/133/it

Venite a scoprire Ostuni con il suo itinerario accessibile, con un mare senza barriere, per una città inclusiva. 

Ostuni è denominata e conosciuta in tutto il mondo come "Città Bianca" per il suo candore (colore completamente bianco) caratteristica indelebile e riconoscibile a livello internazionale.

Il bianco delle sue mura, deriva dalla pittura in calce usata fin dal medioevo, utilizzata sia perchè era ed è un materiale facile da reperire, sia perchè era il modo per conferire luce ai ristretti vicoli del centro storico della cittadina. L'uso della calce ad Ostuni si rivelò salvifica, nel XVII sec.,  periodo in cui la Puglia fù colpita dalla peste (che risparmiò Ostuni) grazie all'uso d'imbiancare le case e i vicoli con la calce che è definito un disifenttante naturale.

Arrivati ad Ostuni si può parcheggiare in via Tenente Specchia o in via Giosuè Pinto; da entrambi i parcheggi è possibile raggiungere Piazza della Libertà o Piazza Sant'Oronzo sia per chi usa la carrozzina, sia per chi ha mobilità lenta con l'aiuto di un accompagnatore.

Arrivati in piazza si potrà subito ammirare la GUGLIA DI SANT'ORONZO, ( in tipico stile barocco) realizzata dal concittadino architetto e scultore Giuseppe Greco. Questa ha una struttura architettonica di forma piramidale formata da cinque basamenti che si restringono man mano che la colonna si eleva. Alta circa 20 m dalla base è stata terminata e inaugurata nel 1771 e voluta dalla cittadinanza come segno di devozione perchè risparmiata dalla peste del XVII e dalle ricorrenti epidemie di quel periodo. La statua del Santo troneggia sull'ultimo basamento, vestito dei paramenti sacri con il braccio destro rivolto verso l'alto nell'atto di benedire, mentre nel braccio sinistro sorregge il pastorale e il Vangelo. Il Santo è patrono di Ostuni (festeggiato il 25,26,27 agosto) insieme a San Biagio (festeggiato il 3 febbraio) e presente nel terzo basamento dell'obelisco insieme ai santi Irene, Agostino e Gregorio Armeno.

 

In Piazza della Libertà o Piazza Sant'Oronzo è possibile visitare la Chiesa di San Francesco dove all'ingresso è presente un gradino di circa 20 cm. Situata accanto al Palazzo Comunale, la chiesa sorge sul suolo donato da Filippo Principe di Taranto, a opera dei padri minori conventuali in seguito fu data in gestione alla confraternita dell'Immacolata di Ostuni che tuttora la gestisce. La facciata della chiesa è in stile neoclassico ad opera dell'architetto Gaetano Iurleo.

    

Passeggiando in Piazza sarà possibile ammirare la bellissima chiesa del Santo Spirito, situata in via Roma, costruita nel 1637 per volere del vescovo Melingi, la struttura è a navata unica con volta in pietra e lunettata.

La facciata è liscia ed è mossa solo nel frontone spezzato con al centro lo stemma del vescovo artefice della costruzione. Forte rilievo sulla facciata è il portale, che colpisce per le sue dimensioni e gli elementi ornamentali che lo caratterizzano, la sua origine è molto più antica della chiesa essendo stato realizzato nel 1450 e originariamente situato sul frontespizio della medievale chiesa di Ognissanti. Il portale è il più elaborato tra tutti i portali della città, ed è di gusto gotico. L'interno della chiesa presenta pochi elementi artistici, tra cui una tela di fra' Giacomo da San Vito, una statua lignea seicentesca raffigurante sant'Oronzo e una statua settecentesca della Madonna del Buon Consiglio. La Chiesa non è accessibile ai visitatori in sedia a rotelle visto che ci sono circa 14 gradini che precedono l'ingresso.

   

Proseguendo nuovamente verso la piazza, sarà possibile arrivare all'ingresso del centro storico (via cattedrale). L'impianto urbanistico del vecchio quartiere, risale al I e II secolo dC, modellato sulle vestigia di un antico villaggio messapico.

Ostuni è un'innumerevole moltiplicazione di livelli, un saliscendi di scale, un indovinello di vicoli e viottoli, un susseguirsi continuo di archi e cavalcavia, tra le case bianche tinte a calce. Per percorrere via cattedrale, vista la ripidità di alcuni tratti, è preferibile l'aiuto di un accompagnatore per le persone in sedia a rotelle. Durante il percorso che porta al duomo della città, sarà possibile acquistare souvenir tipici, visti i diversi negozi presenti. 

Lungo la strada si potrà ammirare la Chiesa di San Vito Martire, o Monacelle (per la presenza di monache del secondo ceto devote a Santa Maria Maddalena de 'Pazzis, visto che prima era un monastero) con la sua bellissima facciata in barocco leccese. Questa oggi accoglie il museo di Ostuni "Museo della Civiltà Preclassica della Murgia Meridionale" che conserva diversi reperti di età neolitica e paleolitica rinvenuti tra Ostuni, Villa Castelli e Francavilla Fontana; inoltre è possibile ammirare due tombe messapiche e il calco di una donna con feto che risale al Paleolitico superiore "Delia", reperto rinvenuto nella Grotta di Santa Maria D'Agnano nel 1991. https://www.ostunimuseo.it/ 

 

 

Il Parco Archeologico di Santa Maria D'Agnano si trova a 2 km da Ostuni, e qui sono stati ritrovati numerosi reperti tra cui la Madre più antica del mondo.

Passeggiano su via Cattedrale si raggiunge la Concattedrale di Santa Maria dell'Assunzione dell'Arcidiocesi di Brindisi-Ostuni situata nel cuore della città bianca, accessibile ai disabili motori grazie ad una rampa laterale. La Cattedrale è un esempio di archittetura romanica gotica, monumento nazionale dal 1902, è stata iniziata nel 1435 e completata tra il 1470 e il 1495.

Ha una caratteristica facciata di tarde forme gotiche, tripartita da lesene. La parte centrale termina con un timpano  formato da due archi inflessi, le ali con due mezze lunette; timpano e lunette hanno un coronamento di archetti trilobi a profilo seghettato su mensole scolpite, che si prolunga sui fianchi e attorno al transetto. La facciata è aperta da tre eleganti portali ogivali (nella lunetta di quello mediano un bassorilievo raffigura la Madonna col Bambino in gloria) sormontati ciascuno da un rosone, di cui quello centrale, notevolmente più grande, ha 24 raggi. Altri rosoni sono nelle testate deltransetto

L'interno, a croce latina a tre navate su colonne, è stato rifatto in epoca settecentesca, con soffitto piano dipinto e cappelle barocche (presso l'ingresso, rimane una colonna della costruzione primitiva). Al termine della navatasinistra è collocato un altare in legno del 1734 con busti dei santi Oronzo, Biagio e Agostino. Nell'abside vi è un coro in legno di noce riccamente intagliato (XVII SEC). Nella navata destra sepolcro del vescovo Filo (1720); nell'ultima cappella c'era una Madonna col Bambino e Santi, di Jacopo Palma il Giovane (trafugata).

L'archivio capitolare possiede oltre 200 pergamene dal 1137.

Dal 2011 la Cattedrale è stata insignita del titolo di basilica minore.

 

Ad Ostuni ci sono spiagge e parchi naturali accessibili con spiagge attrezzate dov'è possibile trascorrere giornate al mare immersi in una natura incontaminata.

Tra questi troviamo il Parco Naturale Regionale Dune Costiere da Torre canne a Torre San Leonardo e la Riserva di Torre Guaceto.

http://www.parcodunecostiere.org/newsite/ita/educazioneAmbientale.php

http://www.parcodunecostiere.org/newsite/ita/index.php 

 

  

 

Lidi balneari accessibili della marina di Ostuni 

Lido Morelli : Spiaggia completamente accessibile con passerelle in legno e con bagni per disabili. Si trova all'interno del parco regionale delle dune costiere da Torre Canne a Torre San Leonardo.

 

Il Faro: Spiaggia di Ostuni che si trova a Villanova, zona Fontanelle.

Riserva Naturale di Torre Guaceto: Spiaggia completamente accessibile con passerelle in legno e con bagni per disabili. All'interno della spiaggia c'è una piattaforma in legno coperta dove si può sostare.

 

Condividi:

Crea il Tuo Account